ANDAR PER VICOLI A RECANATI

A partire da: n.d.

ANDAR PER VICOLI A RECANATI

Escursioni libere e gratuite

ANDAR PER VICOLI A RECANATI

CONSULTA QUI IL TRACCIATO SU KOOMOT

Cominciamo questa nostra passeggiata con alcune annotazioni scritte nella seconda metà dell'Ottocento dalla poetessa Maria Alinda Bonacci Brunamonti, di famiglia recanatese, ma residente a Perugia. In uno dei suoi frequenti soggiorni a Recanati, così scriveva:

Forse la forma della città urta i nervi della gente schiva ed altera. Quella strada unica, lunghissima da Monte Morello a Castelnuovo infastidisce i cittadini, costretti per qualche ufficio a trascorrere su e giù il nastro noioso, a incontrarsi sempre con tutti gli occupati e disoccupati , a spiarsi ed essere spiati, a non potersi sfuggire, nascondere, sottrarsi, dimenticarsi a vicenda.

La forma di Recanati, come osserva la nostra poetessa, è semplice, lineare e facile da visitare, perché lungo l'asse viario che la attraversa da un capo all'altro si dispongono e si offrono al visitatore tutti i suoi tesori: palazzi, chiese, monumenti e giardini attraverso i quali essa  si svela e si racconta.
C'è però un lato segreto della nostra città in cui è possibile sfuggire al flusso di auto e di pedoni, e quasi nascondersi, come piaceva a Maria Alinda Bonacci Brunamonti. È la Recanati delle piccole vie laterali e dei tanti vicoli che si diramano dal corso principale: essi offrono scorci suggestivi e raccolti e, talvolta, si affacciano su veri e propri "precipizi luminosi e fioriti", come amava definirli il poeta Vincenzo Cardarelli in visita a Recanati negli anni Trenta del Novecento. Percorrere questi vicoli è andare indietro nei secoli, tuffarsi nella storia della città e incontrare presenze e figure che in maniera silenziosa l'hanno attraversata: dagli ebrei recanatesi con il loro ghetto e i loro luoghi di sepoltura ai condannati a morte che percorrevano una via stretta e tortuosa prima di essere impiccati; dai tanti artigiani che hanno dato il nome alle vie dove svolgevano i loro mestieri ai giocatori degli antichi tornei della palla al bracciale.
L'itinerario (di circa sei Km) che vi proponiamo può essere percorso  nella sua interezza oppure per piccoli tratti e lentamente: la lentezza e le soste saranno di grande aiuto nel "frugar tutti vicoli" della città  (come amava fare Alinda Bonacci Brunamonti nelle sue estati recanatesi) e assaporarne l'inconfondibile bellezza.

Durata: 1h 45m
N. persone massimo: 20

Tariffe

ANDAR PER VICOLI A RECANATI

Passeggiata nei vicoli più belli e meno conosciuti del centro storico

Prezzo: € 0,00

E' compreso nel prezzo

L'itinerario è libero e non soggetto a limitazioni di orario

Punto d'incontro

Museo Civico Villa Colloredo Mels

NOTE

DIFFICOLTÀ': Bassa
DISLIVELLO: 10 metri
DURATA: 1.45 Ore circa 
KM: 5,41

Equipaggiamento (variabile sulla base delle condizioni meteo): scarpe da Running o da Trekking leggero (con suola scolpita), completo da trekking o abbigliamento comodo, cappello, zaino con Snack ed acqua almeno 1,5 litro, K-Way e bastoncini da trekking (secondo abitudine).

Consigli utili: un ricambio completo da lasciare in auto, bastoncini da trekking secondo abitudine.

Potrebbe interessarti

IL GRANDE ANELLO DEL BEL CANTO E DELLA POESIA

A partire da n.d.

Escursioni libere e gratuite

IL GRANDE ANELLO DEL BEL CANTO E DELLA POESIA

Max: 20
3h 00m
ANDAR PER VICOLI A RECANATI

A partire da n.d.

Escursioni libere e gratuite

ANDAR PER VICOLI A RECANATI

Max: 20
1h 45m
DALL’ ANTICO CASTELLO ALLA CONTRADA DOVE I LUPI CANTAVANO

A partire da n.d.

Escursioni libere e gratuite

DALL’ ANTICO CASTELLO ALLA CONTRADA DOVE I LUPI CANTAVANO

Max: 20
2h 00m
ANELLO DELLE VECCHIE FONTI E DEI LUOGHI SACRI

A partire da n.d.

Escursioni libere e gratuite

ANELLO DELLE VECCHIE FONTI E DEI LUOGHI SACRI

Max: 20
2h 00m